SÌ ALLA PROTEZIONE UMANITARIA PER “ESTREMA POVERTÀ”



Con recente pronuncia, la Cassazione ha sancito la possibilità di riconoscere protezione umanitaria, con relativo permesso di soggiorno annuale (ai sensi degli artt. 32, co. 3 D.Lgs. 25/2008 e 5, co. 6 D.Lgs. 286/1998) al migrante giunto in Italia per sfuggire ad una situazione di “estrema povertà” e per provvedere ai bisogni essenziali della propria famiglia.

Ovviamente, per la Cassazione, non è sufficiente avere riguardo al contesto di gravissima povertà, insicurezza diffusa e scarsa protezione dello Stato di provenienza (nella fattispecie il Bangladesh), ma è altresì necessaria la valutazione della vicenda personale del migrante che, nell’occasione, era espatriato da anni per procacciare mezzi di sussistenza a sé ed ai propri congiunti, in considerazione della “estrema povertà in cui versa tutta la famiglia ed essendo egli l’unico in grado di provvedervi”.


Cass. Civ., sez. I, ord. n. 23718 del 28.10.2020

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag

CONTATTACI

Esponi il tuo problema ed i nostri legali ti invieranno un parere motivato in breve tempo, direttamente sulla tua email.
Per una risposta rapida, contattaci tramite chat

Selezionando le caselle che precedono, si presta il consenso al trattamento dei propri dati personali per le relative finalità

​​​​© 2017 Studio Legale Bevilacqua

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now